';
Pulsantiera di navigazione Home Page
Pagina Facebook Pagina Linkedin Canale Youtube Versione italiana
Notizie
Notizie legali

COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

Entrato in vigore il Regolamento (UE) 2019/1150 che promuove equità e trasparenza per gli utenti commerciali dei servizi di intermediazione online.

Il 12 luglio 2020 è entrato in vigore il nuovo Regolamento (UE) 2019/1150 che contiene norme direttamente applicabili in tutti i Paesi UE  volte a promuovere l’equità e la trasparenza a vantaggio degli utenti commerciali dei servizi di intermediazione online e dei motori di ricerca.
Obiettivo del Regolamento è quello di riequilibrare i rapporti di forza tra gli utenti business ed i fornitori dei servizi che, grazie al loro potere di mercato, sono stati in grado, sino ad oggi, di imporre unilateralmente condizioni contrattuali sbilanciate a proprio favore.

A quali rapporti si applica?

Il Regolamento si applica ai rapporti contrattuali tra:
  • gli utenti commerciali che offrono beni o servizi B2C, ed i fornitori di servizi di intermediazione online che consentono di raggiungere i consumatori finali;
  • i titolari di siti web aziendali ed i fornitori di motori di ricerca online consultati dai consumatori.

Non si applica, invece, ai servizi:
  • peer-to-peer (tra consumatore e consumatore);
  • esclusivamente B2B, ossia che non risultano funzionali all’instaurazione di rapporti commerciali con i consumatori;
  • di pagamento online;
  • di pubblicità online che non implichino una relazione contrattuale con il consumatore.
Le nuove norme prevedono, tra l’altro:

✅ maggiore trasparenza nelle condizioni contrattuali tra marketplace e utenti commerciali, con obblighi di notifica di variazione delle clausole contrattuali e diritto alla risoluzione del contratto da parte dell'utente commerciale;
✅ divieto di limitare in modo assoluto la pubblicizzazione del brand sul marketplace;
✅ prevedibilità dei parametri che determinano il posizionamento sul marketplace o sul motore di ricerca.

I provider devono valutare attentamente il processo di adeguamento al nuovo regolamento.
 
Stampa la pagina