';
Pulsantiera di navigazione Home Page
Pagina Facebook Pagina Linkedin Canale Youtube Versione italiana
Notizie
Notizie legali

INFORMATION TECHNOLOGY

Pubblicate le delibere AgCom che definiscono i nuovi obblighi per motori di ricerca e intermediari online.

Con la Legge di Bilancio 2021 (Legge n. 178/2020) il legislatore italiano ha recepito il Regolamento UE 2019/1150 (“Regolamento P2B”), affidando all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (“AgCom”) il ruolo di assicurare la corretta ed efficace applicazione del regolamento europeo e stabilendo che i motori di ricerca online e i fornitori di servizi di intermediazione online dovranno rispettare gli obblighi di iscrizione al Registro Italiano degli Operatori di Comunicazione (“ROC”) e l’obbligo di versamento di un contributo annuale all’Autorità.

Nelle scorse settimane, l’AgCom, facendo seguito alle nuove competenze attribuitegli dalla Legge di Bilancio 2021, ha approvato una serie di Delibere, che hanno dato avvio all’iter di attuazione di tali nuovi obblighi regolamentari.

Iscrizione al Registro Italiano degli Operatori di Comunicazione (“ROC”)

Con Delibera n. 200/21/CONS, l’AgCom ha modificato la Delibera n. 666/08/CONS (recante il Regolamento per l’organizzazione e la tenuta del Registro degli Operatori di Comunicazione – “Regolamento ROC”), disciplinando le modalità pratiche di iscrizione al ROC per i motori di ricerca online e gli intermediari online e gli obblighi conseguenti. La Delibera n. 200/21/CONS non prevede un termine entro il quale i motori di ricerca online e i fornitori di servizi di intermediazione online debbano iscriversi al ROC. Di conseguenza, l'art. 5, comma 5, della Delibera n. 666/08/CONS, secondo cui gli operatori sono tenuti ad iscriversi entro 60 giorni dalla data di inizio delle attività, è da ritenersi applicabile al caso di specie. Il termine di 60 giorni per gli intermediari online che già operano nei mercati rilevanti in Italia decorrerà dalla data di pubblicazione della Delibera n. 200/21/CONS. Il termine per iscriversi al ROC scade dunque il 6 settembre 2021.

Obbligo di presentare l’Informativa Economica di Sistema (“IES”)

A seguito dell'adozione della Legge n. 178/2020, l'AgCom ha inoltre adottato anche la Delibera n. 161/21/CONS, modificando la Delibera n. 397/13/CONS relativa alla “Informativa Economica di Sistema (IES)”.
La cosiddetta IES è una dichiarazione, comprensiva di dati economici e societari, che alcune categorie di imprese attive nel settore TMT devono inviare annualmente presso l'AgCom, al fine di permettere all'AgCom di raccogliere le informazioni necessarie allo svolgimento di alcuni compiti (tra cui, ad esempio, le analisi di mercato, la redazione della Relazione annuale al Parlamento, le indagini conoscitive, ecc.).

Con la Delibera n. 161/21/CONS, l'AgCom ha ritenuto opportuno “estendere l'obbligo annuale di comunicazione della IES ai servizi di intermediazione online e ai motori di ricerca online, al fine di raccogliere annualmente le informazioni rilevanti e svolgere le attività finalizzate ad assicurare l'adeguata ed efficace applicazione del Regolamento 2019/1150 e l'esercizio delle relative funzioni attribuite all'AgCom dalla legge n. 178/2020”. Il termine per l'invio della IES è il 30 settembre 2021.
Con specifico riferimento alla IES, l'AgCom ha anche emanato specifiche linee guida che illustrano le modalità da seguire per la compilazione della relativa modulistica.

Versamento di un contributo annuale all'AgCom

In relazione, infine, all’obbligo di versamento di un contributo annuale all’AgCom, a copertura delle spese amministrative sostenute dall'Autorità stessa nello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, l’AgCom non ha ancora adottato la Delibera che darà attuazione a tale obbligo regolamentare, stabilendo il relativo termine entro cui effettuare il pagamento.

(Fonte: Sito web Lexology - Autori:  Federico Marini Balestra, Lucia Antonazzi and Chiara Horgan - Titolarità dei contenuti: Lexology - Bird & Bird e i rispettivi autori).
Stampa la pagina